L’innovazione tecnologica abbraccia vari punti, dalla progettazione della stalla alla sperimentazione di nuovi mangimi, di corrette razioni alimentari e di sistemi di miglioramento del benessere animale. Ha come obiettivo quello di agevolare l’operatore o l’allevatore dal gravoso lavoro di alimentazione dei capi in allevamento, nell’attività di mungitura e nella pulizia delle stalle. Con la digitalizzazione di molte delle operazioni in stalla l’allevatore potrà così essere più libero e poter avere a disposizione più tempo per dedicarsi ad altre attività all’interno dell’azienda stessa. Quando si parla di innovazione tecnologia il benessere animale viene sicuramente garantito e inoltre l’allevatore potrà beneficiare di aumenti nella produzione e il miglioramento dal punto di vista manageriale. La tecnica di innovazione in ambito alimentare vede la distribuzione del piatto unico ‘Unifeed’ distribuito da robot automatici secondo un piano di programmazione. Non sarà più l’allevatore ad entrare in stalla con carro unifeed semovente o trainato da una trattrice e azionato sempre da un operatore; ma sarà un robot che una volta programmato, distribuirà in maniera automatica il pasto e tramite un sensore ottico riavvicinerà il pasto sempre più alla rastrelliera in modo tale che sia sempre più vicino e appetibile. Nell’attività di mungitura si parlerà di sistema AMS (Automatic Milking Sistems), sistemi automatici. Sono innovazioni così radicali che richiedono un profondo cambiamento nella gestione e nell’organizzazione della stalla. Le modalità attraverso le quali si attua la mungitura in un AMS sono completamente diverse rispetto ai sistemi tradizionali: la vacca deve entrare volontariamente nella posta di mungitura, deve essere riconosciuta e quindi in seguito può essere munta. La mungitura diventa, quindi, non più un’operazione da eseguire ad intervalli regolari, due o tre volte al giorno, bensì un momento scelto liberamente dagli animali. Le bovine possono recarsi in qualsiasi ora del giorno anche la notte alla stazione di mungitura robotizzata. Negli allevamenti di bovine da latte è importante parlare del concetto di zootecnia di precisione. Si intende l’utilizzo di tecnologie per misurare indicatori fisiologici, comportamentali, produttivi e riproduttivi sui singoli animali, con l’obiettivo di migliorare le strategie gestionali e le performance dei soggetti allevati. Il monitoraggio delle singole bovine avviene attraverso dei collari o podometri. L’obiettivo è quello di massimizzare il potenziale individuale dell’animale e diagnosticare precocemente aspetti patologici, riducendo al minimo l’uso di farmaci attraverso misure di prevenzione sanitaria.

 

Dott. Stefania Gentile