La liquirizia (Glycyrrhiza glabra) è una pianta della famiglia delle Leguminose. E’ una pianta erbacea perenne alta 50-100 cm dalle cui radici si estrae la liquirizia. E’ una specie originaria del Mediterraneo orientale e dell’Asia sud-occidentale. In Italia è coltivata e talvolta inselvatichita nelle regione del sud. Sviluppa un grosso rizoma da cui si estendono stoloni lunghi fino due metri e radici legnose altrettanto lunghe. Il rizoma e le radici hanno una corteccia marrone e all’interno la parte legnosa si presenta di color giallo e ha un gusto dolce.Le radici lunghe e legnose vengono prelevate in autunno da piante che hanno almeno tre anni. La raccolta delle radici o rizomi di liquirizia si effettua a partire dal terzo anno di vita della pianta. La raccolta va fatta tra  ottobre-novembre il periodo in cui le radici sono ricche di principi attivi. Per estrarre le radici dal terreno bisogna scavare intorno alla base del cespo a circa 50 cm di profondità. Vengonoripulite dalle radichette laterali, lavate, tagliate a pezzi e fatte essiccare in forno senza superare i 40°C. Vengono poi conservate in luogo asciutto.  Si possono conservare in vasetti di vetro, lontano da fonti di calore e umidità. Queste radici possono essere usate per la preparazione di tisane, decotti e per gustarle, come i classici bastoncini per smettere di fumare, così, di tanto in tanto. Una volta macinata molto finemente, si può ottenere anche la radice in polvere, che si presta per la preparazione di classici liquori neri, gelati e altri dolci fatti in casa. Le proprietà antiinfiammatorie e cicatrizzanti della liquirizia la rendono un ottimo rimedio naturale per infiammazioni cutanee (eczema, psoriasi, herpes e dermatiti). Per questo in commercio esistono molte preparazioni per uso esterno a base di liquirizia ad azione protettiva, lenitiva e antibatterica per pelli sensibili. La pianta di Liquirizia viene utilizzata anche negli orti e nei terreni incolti come diserbante naturale in quanto è in grado di contrastare e combattere efficacemente le piante infestanti che infestano il campo di coltivazione. La liquirizia contiene glicirizzina, una sostanza che provoca l’aumento di pressione e pertanto è sconsigliato il consumo ai soggetti che soffrono di pressione alta.

 

Dott. Stefania Gentile